L’ora delle streghe e il pianto del neonato

Il vostro bambino ha mai pianto improvvisamente verso il tardo pomeriggio?

Sono le 17 e il vostro bambino diventa inconsolabile. Non importa quello che fate, non riuscite a placarlo.
Non siete voi ad essere sbagliati: so che potete sentirvi impotenti e frustrati davanti al vostro bambino che non si calma ma non è colpa vostra.
In questo articolo vi spiegherò che cos’è l’ora delle streghe, quanto dura, quando viene superata e quali sono le cause.

CHE COS’E’ L’ORA DELLE STREGHE?

L’ora delle streghe è quel periodo della giornata che va dal tardo pomeriggio fino a tarda sera (17:00-23:00), quando i neonati iniziano a piangere inconsolabili e apparentemente senza motivo. Il bambino sembrava felice e contento e improvvisamente diventa esigente e impossibile da calmare.
Viene chiamata “ora delle streghe” perchè, secondo la leggenda, in quest’ora streghe e demoni avevano tantissimo potere.
Durante l’ora delle streghe, può manifestarsi:

  • Aumento del pianto;
  • Incapacità ad addormentare il bambino;
  • Poppate a grappolo e poppate frequenti;
  • Incapacità di calmare il bambino;

Moltissimi bambini attraversano questa fase di irrequietezza e agitazione quotidiana ma non tutti.

QUANTO DURA L’ORA DELLE STREGHE?

L’ora delle streghe inizia intorno alla seconda settimana di vita e fortunatamente è una fase che non dura per sempre.
Raggiunge il suo picco intorno alle sei settimane di vita. Già dopo il terzo mese, alcuni bambini superano questa fase. La maggior parte dei bambini la supera intorno al quarto mese di vita, altri arrivano fino al quinto mese di vita.

QUALI SONO LE CAUSE DELL’ORA DELLE STREGHE?

Alcune cause principali dell’ora delle streghe sono:

  • Stimolazione eccessiva: tanti stimoli rendono i bambini suscettibili e quando i bambini vengono stimolati troppo, viene prodotto molto Cortisolo (ormone dello stress). La luce, i rumori e le attività diurne stimolano i bambini. Anche se il tuo bambino non partecipa attivamente alle attività quotidiane, le percepisce e immagazzina dosi di stress.
  • Reflusso silente: quando il bambino mangia, l’accumulo di aria durante il giorno e la notte può infastidirlo. In questi casi può essere utile far fare il ruttino al bambino durante le poppate per fargli immagazzinare meno aria.
  • Stanchezza: se il tuo bambino non riposa bene, il suo debito di sonno aumenta, provocando in lui agitazione, che lo porta a piangere senza sosta.

COME AIUTARE UN BAMBINO A SUPERARE L’ORA DELLE STREGHE?

Per calmare il tuo bambino, puoi provare queste strategie:

  • Aria fresca: prova ad uscire di casa con il tuo bambino. Il cambio dell’ambiente e/o il movimento della carrozzina possono calmare il tuo bambino e aiutare anche te.
  • Rumori bianchi: questi rumori imitano i suoi che il tuo bambino sentiva in pancia e possono aiutarlo a tranquillizzarsi.
  • Massaggi per bambini: l’utilizzo dell’olio di mandorle dolci, le tue mani calde e un’illuminazione soffusa possono tranquillizzare il tuo bambino.
  • Skin to Skin: il contatto pelle a pelle piace molto ai bambini. Spogliati e appoggia il tuo bambino sulla pancia. In questa posizione generalmente si calmano immediatamente perché si ritrovano nella condizione iniziale di quando erano in pancia.
  • Bagnetto: puoi provare a fargli il bagnetto prima dell’inizio dell’ora delle streghe.

E’ sempre consigliato chiedere aiuto. L’ora delle streghe è dura e avere una rete di familiari o amici che possano sostenere i genitori è fondamentale per il benessere di tutta la famiglia

Autrice:

Gloria Scarpa, Ostetrica

 

Autore

Gloria

L'Ostetrica in Rosa

Condividi

Leggi anche