Come prevenire la SIDS?

L’acronimo SIDS (Sudden Infant Death Syndrome) indica la morte improvvisa dei bambini di età inferiore a un anno. Il picco è tra i 2 e 4 mesi di età, soprattutto nel periodo invernale ed è più rara dopo i 6 mesi.
E’ una morte che si verifica durante il sonno e che, anche dopo indagini molto accurate (inclusa l’autopsia), non trova alcuna spiegazione. Per questo motivo viene definita anche “morte bianca”.
Nonostante le cause della SIDS siano ancora sconosciute, è possibile ridurre l’incidenza della sindrome fino al 90% eliminando tutti i fattori di rischio noti.

Ostetrica in Rosa-SIDS

COME PREPARARE UN AMBIENTE SICURO PER LA NANNA?

Sebbene le cause non siano note, alcuni comportamenti sono in grado di ridurre sensibilmente l’incidenza della SIDS. Ecco alcuni di questi:

  • Posiziona il tuo bambino nella tua stessa camera da letto;
  • Posiziona il tuo bambino supino (a pancia in su) per dormire;
  • Acquista un materasso rigido e non inclinato;
  • Evita temperature superiori a 20° C nella stanza da letto;
  • Non fargli indossare cappellini;
  • Evita cuscini e oggetti morbidi nella culla;
  • Evita coperte pesanti (trapunte, piumoni, coperte di pelliccia.

Trovi tutte le raccomandazioni relative al sonno sicuro dell Accademia Americana di Pediatria (APP) nel mio e-book:


Consiglio a tutti di scaricare il mio e-book perché è molto importante conoscere queste nuove raccomandazioni.

Ostetrica in Rosa-Culla

BED-SHARING: SI O NO?

La condivisione del letto dei genitori, chiamata in Inglese “bed sharing”, non è consigliata dall’APP. Infatti, può portare ad un aumento del rischio di SIDS nei primi mesi.
Inoltre, è particolarmente pericolosa se:

  • la condivisione viene praticata su un divano o qualsiasi superficie particolarmente morbida e con molti cuscini;
  • i genitori sono fumatori;
  • i genitori hanno fatto uso di alcol, farmaci, sostanze psicoattive;
  • i genitori non sono in buone condizioni di vigilanza (es. stanchezza);
  • se il bambino è nato pretermine o risulta piccolo per l’età gestazionale.

Puoi certamente tenere il tuo bambino in braccio mentre lo allatti o per addormentarlo ma successivamente è consigliato spostarlo nella sua culla.

BED SHARING E CO-SLEEPING SONO LA STESSA COSA?

Assolutamente no!
Questi termini vengono molto spesso confusi.

  • Per Co-Sleeping si intende la condivisione della stanza da letto. La culla del tuo bambino viene posizionata vicino al lettone per rendere più semplice il momento dell’allattamento notturno, oppure il lettino viene messo ai piedi del letto dei genitori, o in uno spazio della stanza che consenta ai bimbi di raggiungere il lettone da soli quando ne sono capaci.
  • Per Bed-Sharing invece si intende la condivisione dello stesso letto ed è questa ad essere sconsigliata dall’APP, soprattutto in alcune situazioni.

LEGGI ANCHE: Ministero Della Salute-SIDS

CONCLUSIONE

E’ importantissimo conoscere le nuove raccomandazioni dell’AAP per ridurre il rischio di SIDS.

 

Autrice
Gloria Scarpa

Ostetrica

 

Autore

Gloria

L'Ostetrica in Rosa

Condividi

Leggi anche